fbpx

LA CITTA’ TRASCURATA PAGA UN PREZZO “TROPPO ALTO” PER LA “CULTURA”. DALL’INIZIO DELL’ANNO GIA’ SPESI 400.000 euro

condividi se ti piace!

Ancona, città  con le “buche profonde”,  i marciapiedi malandati,  le scuole bisognose di manutenzione ed adeguamento sismico,  l’erba incolta ovunque, spende cifre “assurde” per iniziative  culturali organizzate “sempre” insieme agli stessi soggetti.

Mostre fotografiche coorganizzate dal Comune con una “Società privata avente scopo di lucro” la quale, in cambio, riceve un contributo di 128.000 euro; ed i biglietti dal costo troppo alto per una “famiglia”.

Due Festival “coorganizzati” dal Comune con associazioni senza scopo di lucro:  “Adriatico Mediterraneo” e “KUM” , hanno un costo complessivo a carico dell’Amministrazione di 195.000 euro. (Circa 10.000 euro/gg)

Le Mostre sono a pagamento, così come molte delle iniziative dei “Festival”

Lo scorso anno la Mostra del quadro del Caravaggio,  conclusasi nel gennaio 2017 ed organizzata dalla stessa Società che quest’anno organizza le mostre fotografiche, ebbe un costo per l’Amministrazione di 155.000 euro.

Nel 2018 abbiamo fino ad oggi speso 340.000 euro, che aggiunti a quelli della mostra del Caravaggio fanno quasi “mezzo milione di euro”!

Cultura pubblica o affari privati?

Questo è il dilemma!

Archivi

shares
error: Content is protected !!