fbpx

CASE POPOLARI, MAGGIOR TUTELA AI CITTADINI ITALIANI

Un proposta di delibera per riequilibrare il rapporto di assegnazione tra cittadini italiani e comunità straniera.

condividi se ti piace!

PRESENTATA DA “60100” LA PROPOSTA DI MODIFICA AL REGOLAMENTO DEL COMUNE DI ANCONA

GLI ALLOGGI IN COSTRUZIONE ALL’EX CRAS

Attualmente le “case popolari” vengono assegnate in grande percentuale a stranieri che invece costituiscono una parte minoritaria della “popolazione” di Ancona.

Il Gruppo Consigliare “60100” ha depositato ieri, 24 settembre 2018, la proposta di “delibera“, con l’allegato “regolamento“, per modificare le disposizioni vigenti in favore dei cittadini italiani, al fine di rendere le assegnazioni maggiormente rispondenti alle esigenze dei cittadini in attesa di una casa da anni.

La proposta vuole introdurre, nel rispetto delle disposizioni di cui alla L.R. 36/05 , criteri di valorizzazione della “cittadinanza italiana” e del “lavoro” come previsto dall’art. 20 quater a) e b) della citata legge regionale. Fino ad oggi invece le assegnazioni privilegiano, per disequilibrio regolamentare, cittadini europei ed extraeuropei.

La proposta di delibera vuole introdurre le seguenti modifiche al vigente regolamento (evidenziate in grassetto),  lasciando invariata la struttura complessiva dell’atto. Di seguito le principali proposte di modifica :

Art. 6 -Modalità per l’assegnazione

3.   Annualmente l’Amministrazione comunale, attraverso una verifica dei cittadini iscritti all’anagrafe comunale, verifica la composizione della popolazione per  accertare la numerosità in “termini percentuali” dei cittadini italiani, rispetto ai cittadini europei ed extraeuropei.

Art. 7 – Requisiti per l’accesso all’Edilizia Residenziale Pubblica – art. 20 quater L.R. 36/05)

  1. Per conseguire l’assegnazione di un alloggio di E.R.P. sovvenzionata sono richiesti i seguenti requisiti :
  1. essere cittadini italiani o di un paese appartenente all’Unione Europea ovvero cittadini di Paesi che non aderiscono all’Unione europea, titolari di carta di soggiorno o possessori del permesso di soggiorno di durata biennale…..;
  2. avere residenza e prestare attività lavorativa nel Comune di Ancona da almeno 18 mesi  in maniera continuativa;

L’introduzione del requisito congiunto ” residenza-lavoro” alza il livello di appartenenza degli stranieri alla comunità locale. 

Art. 16 – (Aggiornamenti della graduatoria)

  1. Entro il 30 dicembre di ogni anno dovrà essere emanato un avviso pubblico per invitare i cittadini aventi i requisiti a presentare domanda ovvero ad integrare quella precedentemente presentata.

Le domande per l’aggiornamento delle graduatorie devono essere presentate entro 3 mesi  dalla data di pubblicazione dell’avviso.

Art. 17 – Verifica dei requisiti e dei punteggi prima dell’assegnazione

  1. Gli alloggi disponibili sono assegnati in base alla graduatoria vigente.

1.bis   L’assegnazione avviene nella misura percentuale determinata ai sensi dell’art.6.3 del presente Regolamento, sulla base degli alloggi disponibili,  applicando le percentuali al numero di alloggi da assegnare.

Esemplificando se il rapporto percentuale di cui al punto 3 dell’art.6 determina quali quote di composizione della cittadinanza,  70% cittadini italiani, 30% cittadini stranieri, nell’ipotesi che sia 100 il numero degli alloggi disponibili per l’assegnazione, secondo l’ordine della graduatoria, ai cittadini italiani saranno assegnati 70 alloggi e ai cittadini stranieri 30 alloggi (oggi il rapporto è pressochè invertito).

Tombolini e Ippoliti , consiglieri comunali di “60100”

3 thoughts on “CASE POPOLARI, MAGGIOR TUTELA AI CITTADINI ITALIANI

Comments are closed.

Archivi

shares
error: Content is protected !!